Home   >   Edizione 2009   >   Finalisti

La tierra sin mal

Sinossi

Aprile 2008, Paraguay. Fernando Lugo sarà il primo vescovo ad essere eletto presidente della repubblica nella storia della democrazia.
Dopo 35 anni sotto la feroce dittatura militare di Alfredo Stroessner e 18 anni di corrotto governo del partito colorado (il partito che appoggio', per tutta la sua durata la dittatura stessa), Fernando Lugo rappresenta l'unica speranza nella costruzione di quella « terra senza dolore », la « tierra sin mal », espressione che gli indios guarani usavano per designare il paradiso in terra, una utopica terra di pace e giustizia.
Nel 1989 termino' in Paraguay la dittatura più lunga del Sudamerica, lasciando profonde ferite di rassegnazione e apatia nell'anima della popolazione. La caduta del dittatore Stroessner e la conseguente « transizione democratica » non coincisero pero' con un cambio reale nel sistema politico, caratterizzato da corruzione e clientelismo. Le elezioni del 2008 e la candidatura di Fernando Lugo costituiscono una grande occasione di cambiamento nella storia del Paraguay.
Martin Almada, attivista dei diritti umani internazionalmente riconosciuto, scopri' nel 1992 ad Asuncion , capitale del Paraguay, l'archivio del terrore, dove erano nascosti tutti i documenti relativi all'operazione Condor; oggi si batte come un Don Chisciotte per smascherare i legami esistenti tra il vecchio sistema dittatoriale e la fragile e corrotta democrazia.
Guillermina Kanonioff, attivista politica e vecchia amica di Lugo, Segretaria Generale del movimento popolare Tekoyoya, é tra coloro che chiesero a Lugo di lasciare gli abiti sacerdotali e mettersi in politica, in difesa del popolo.

Scheda

  • Titolo
    La tierra sin mal
  • Regia
    Anna Recalde Miranda